avveniredicalabria

Alessandro Ghisalberti e Antonio Tarzia sono i curatori del libro “Cassiodoro primo umanista”

Il libro, ecco il Leonardo dell’Alto Medioevo

Mimmo Nunnari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con i suoi cento mestieri, i viaggi per l’Italia e l’Oriente, i Papi, i re e gli imperatori incontrati, la vita di Cassiodoro - filosofo, erudito e mistico calabrese - sembra una perfetta sceneggiatura di un’epoca “terribile”, e comunque tra le più interessanti della storia d’Europa.

Fu denominato, il «Leonardo dell’Alto Medioevo» e Benedetto XVI, nella sua catechesi sui Padri della Chiesa, lo descrive come «uomo di alto livello sociale, che si dedicò alla vita politica e all’impegno culturale, come pochi altri nell’Occidente romano del suo tempo». Forse, gli unici che gli potevano stare alla pari, in questo suo duplice interesse, furono Boezio e il futuro papa di Roma Gregorio Magno, dirà ancora Ratzinger. La Chiesa di papa Francesco, poi, aprendo il processo della causa di beatificazione, e chiamandolo Servo di Dio, Cassiodoro lo ha fatto nostro contemporaneo e maestro di vita, come sottolineano Alessandro Ghisalberti e Antonio Tarzia, curatori del volume “Cassiodoro primo umanista” (introduzione di Franco Cardini, edizioni Jaca Book, pagine 205, euro 20).
Il libro è composto di più contributi che raccontano il Cassiodoro poliedrico: cittadino europeo ma anche uomo di Stato, cancelliere di Teodorico, fine letterato, biblista profondo, primo umanista, amato e studiato dai più colti e liberi spiriti, nonostante la sua fama passasse attraverso alterni giudizi, salutato come salvatore della cultura classica occidentale, o ridotto al ruolo di semplice comprimario, in altri momenti. Oggi, però, dice Franco Cardini nell’introduzione al volume, la critica storiografica ha riassegnato a Cassiodoro il ruolo che merita, nella storia del suo tempo, e i saggi riuniti nel libro lo dimostrano. Molto si deve, per la nuova luce su Cassiodoro, a don Antonio Tarzia, uno dei curatori del libro: sacerdote cresciuto alla scuola del beato Alberione, il fondatore della Famiglia Paolina, già direttore generale delle edizioni San Paolo, di Jesus e del Giornalino. Tarzia vive a Milano da più di mezzo secolo, ma è calabrese mai sradicato dai suoi luoghi; è originario di Amaroni.
Il suo amore, “intenso e spregiudicato”, per Cassiodoro, è antico. «È un personaggio che ogni quattro settimane compariva nella mia lettura del breviario con frasi di profonda spiritualità», dice don Antonio ricordando i primi anni di quando aveva preso messa, e cominciava a studiarlo. Su una cosa, sono tutti d’accordo nell’approfondire gli studi su Cassiodoro; che era essenzialmente uomo del libro, promotore di cultura e spiritualità, editore e fondatore di biblioteche e monasteri. La lettura, è l’inizio e il fondamento di ogni attività della sua mente. Quando fondò il Vivarium, a Squillace, lo organizzò come una comunità di studio rivolta alla trascrizione di libri, convinto così di garantire alla generazioni future l’accesso al patrimonio di pensiero e di conoscenza in essi custodito. Voleva che i libri che uscivano dal Vivarium fossero non solo corretti, ma anche belli. Al termine della sua esistenza (visse fino a 93 anni) fu lui stesso a comporre una sorta di epitaffio, che si legge nella sua opera De orthografia: «Addio, fratelli. Ricordatemi nelle vostre preghiere. Ho scritto questa breve guida all’ortografia e ho preparato copiose istruzioni per l’interpretazione delle Scritture. Così come ho cercato di strapparvi alle schiere degli incolti, possa il potere divino sottrarci a una comune punizione con i malvagi». Non c’è dubbio, che Cassiodoro, col suo itinerario eccezionale di vita e santità, dedicata interamente all’attività intellettuale e religiosa, divenne l’unica luce del suo tempo e punto di riferimento nei secoli tristissimi che si aprivano.

Articoli Correlati

«Behind the fence – diario di un prigioniero di guerra»

L’associazione Capys presenta il libro postumo di Biagio Monteleone, poeta, scritto e professore di Scido. L’evento sarà condotto dalla poetessa e scrittrice reggina Angela Zumbo, con l’intervento della figlia dell’autore Carmen Miranda Monteleone.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.